fbpx

Ti guardi allo specchio e non ti piaci? Ci sono giorni in cui odi il tuo corpo e lo copri per nasconderlo? Il rapporto con il tuo corpo è difficile e stressante? Se il tuo corpo non ti piace leggi queste righe per iniziare a cambiare prospettiva.

Che cos’è l’immagine corporea?

Aspetto fisico e immagine corporea sono due cose completamente diverse e non necessariamente correlate tra loro. L’aspetto fisico si riferisce a come si è realmente (altezza, peso, distribuzione del grasso, colore degli occhi ecc); l’immagine corporea è l’immagine che abbiamo nella nostra mente della forma, dimensione, taglia del nostro corpo e i sentimenti che proviamo rispetto a queste caratteristiche e rispetto alle singole parti del nostro corpo”. (P. Slade, 1988)
Si tratta di un costrutto soggettivo ed infatti, in molti casi la percezione che una persona ha del corpo è diversa e più negativa del giudizio che gli altri danno sul suo aspetto.

Le tre componenti dell’immagine corporea

L’immagine corporea è costituita da diverse componenti:
percettiva: il grado di accuratezza nella stima del proprio corpo e di parti di esso
cognitiva e affettiva: pensieri ed emozioni relativi al proprio corpo
comportamentale: le attività che vengono svolte oppure evitate in base a come si percepisce e si valuta il proprio corpo (es. stile di alimentazione, attività fisica, partecipazione ad eventi sociali…).

Immagine corporea negativa

Succede spesso che le persone siano insoddisfatte di alcuni aspetti della loro apparenza e desiderino fare dei cambiamenti per migliorarla, come per esempio perdere peso, cambiare qualcosa del proprio aspetto fisico come il trucco o il colore dei capelli o lo stile nell’abbigliamento. Questa insoddisfazione non interferisce con la valutazione di sé e con le attività quotidiane e può essere facilmente superata.
Per altre persone l’insoddisfazione per il proprio corpo influenza, invece, la valutazione di sé e ostacola le relazioni interpersonali e il funzionamento sociale.

Per molte persone non è realistico passare dall’odiare il proprio corpo (le sue forme, le sue fattezze…) ad amarlo, soprattutto perché viviamo in un mondo in cui la magrezza è molto apprezzata e i chili di troppo sono oggetto di stigma. Ecco perché negli ultimi anni negli Stati Uniti si è diffuso un nuovo modo di guardare alla relazione con il nostro corpo, non si parla più di “body positivity” ma di “body neutrality”. 

Per saperne di più sul corso per modificare la relazione con il cibo ed il tuo corpo, clicca qui

Modi nuovi di relazionarsi con il corpo

Un’immagine positiva del corpo ha più a che fare con l’essere compassionevoli e rispettosi di noi stessi che con l’amare ogni centimetro del nostro corpo. La neutralità è un punto a metà strada tra l’amore e l’odio e può rappresentare un buon compromesso. Ma vediamo cosa significa.

Body neutrality è:
  • svegliarsi la mattina e chiederti semplicemente “Come mi sento? Di cosa ho bisogno?“. Un caffè, una bella doccia, una colazione nutriente…
  • scegliere il tuo outfit in base alla comodità, al tuo gusto personale e a quello che devi fare, senza sentirti sempre un fagotto informe;
  • affrontare la giornata senza avere l’ossessione della tua forma fisica;
  • dare uno sguardo allo specchio prima di uscire di casa solo per assicurarti che tutto sia in ordine e non per criticarti o ammirarti;
  • non sentirti obbligato ad osservare la tua immagine riflessa in ogni specchio o vetrina, oppure evitarlo ogni volta;
  • fare sesso con il tuo partner senza pensare a quanto sono grandi il tuo sedere e le tue cosce;
  • scegliere quello che ti fa stare bene (ballare, camminare, andare in bici, mangiare più verdure, meditare, fare un bagno caldo, un massaggio…);
  • goderti tutte le sensazioni che provengono dal tuo corpo piuttosto che focalizzarti sulla sua forma;
  • essere grato al tuo corpo per quello che fa per te;
  • pensare al tuo corpo come se fosse il tuo miglior amico: il tuo miglior amico è perfetto? probabilmente no, ma non per questo lo odi o sei cattivo con lui…;
  • addormentarti la sera pensando a qualsiasi cosa – qualsiasi cosa – diversa dal tuo corpo e da ciò che cambieresti  nella speranza che avvenga una magia.

Anche se non hai il corpo che desideri, puoi rispettarlo e prenderti cura di lui. Non devi per forza amare ogni centimetro del tuo corpo. Se non riesci ad amarlo, puoi comunque impegnarti per accettarlo e prendere la decisione di non punirlo.