fbpx

Come genitori dobbiamo tenere presente che i nostri figli stanno sviluppando impressioni e attitudini verso il cibo che saranno poi difficili da cambiare in età adulta: la Mindful Eating ci aiuta ad individuare regole semplici in famiglia. 

Mindful Eating e semplici regole

Abbiamo davvero bisogno di poche linee guida per aiutare, non solo i nostri figli, ma tutta la famiglia a nutrirsi in modo vario e senza esagerare.

È, infatti, importante essere consapevoli che il creare troppe regole, e talvolta regole difficili da rispettare/far rispettare con continuità, porta inevitabilmente ad una lotta di potere con i nostri bambini.

Se il “no” diventa inspiegabilmente un “sì” (per stanchezza, sfinimento o frustrazione), creiamo in loro disorientamento, con il rischio di indurre reazioni di paura, senso di colpa, ribellione o iper controllo nei confronti del cibo da assumere.

Clima sereno attorno alla tavola

Un altro rischio è quello che, attorno al tavolo da pranzo, si crei un clima disturbante e conflittuale anziché piacevole e conviviale. Involontariamente, il bambino andrà così a creare associazioni di tipo negativo sia nei confronti del cibo in sé, che verso tutto ciò che ruota attorno al momento del pasto.

Prima di tutto, rassereniamoci! Impariamo ad accettare il fatto che i bambini non mangiano ogni volta nel modo e nei tempi in cui vogliamo noi genitori.

Per saperne di più puoi leggere anche l’articolo “Bambini a tavola: fiducia o controllo”

Se non mangiano quello che gli abbiamo preparato per pranzo, sicuramente la fame si farà sentire per l’ora della merenda. Accettiamo anche il fatto che qualche volta possano semplicemente non avere fame.

Se, invece, qualche volta si alimentano con voracità e anche dopo aver mangiato a sufficienza vorrebbero altro cibo, proviamo a gratificarli in altri modi: chiacchieriamo con loro, abbracciamoli, cerchiamo di capire se qualcosa non va e se questo qualcosa è stato scambiato per fame.

Mangiamo in modo mindful con i nostri figli, senza sottrarre il piacere del cibo, ma rinforzando un autentico piacere del mangiare che abbracci consapevolmente tutti e cinque i sensi.

 

Leave a reply